La rilevazione della concessione di licenze secondo i Principi contabili internazionali

di Antonella Quindici - - 1 Commento

L’IFRS 15 – Ricavi provenienti da contratti con i clienti disciplina la rilevazione delle concessioni di licenze per i soggetti che adottano i Principi Contabili Internazionali. In generale, il cliente mediante l’acquisizione di una licenza ottiene i diritti sulla proprietà intellettuale del fornitore. Tra gli esempi di licenza di proprietà intellettuale citati dallo stesso Principio vi sono le licenze di software, le opere cinematografiche e musicali, i diritti di franchising, i brevetti, i marchi commerciali e i diritti d’autore.

Oltre a promettere al cliente la concessione di una licenza, il fornitore può anche impegnarsi a trasferire altri beni o servizi.

In tal caso il fornitore deve identificare ciascuna performance obligation contenuta nel contratto, ma se non è possibile tenere distinta la promessa di concedere una licenza dagli altri beni o servizi promessi, il fornitore deve contabilizzare i ricavi come un’unica obbligazione di fare. Il Principio fornisce anche degli esempi di licenze che non sono distinte dagli altri beni o servizi promessi, quali una licenza che costituisce una componente di un bene e che è parte integrante del funzionamento di quest’ultimo, oppure una licenza che il cliente può sfruttare solo congiuntamente a un servizio.

Inoltre, in applicazione dell’IFRS 15, l’impresa, ai fini della corretta rilevazione dei ricavi, deve determinare se la licenza è trasferita al cliente in un determinato momento (at point in time) o nel corso del tempo (over time) e ciò dipende dai seguenti fattori: se il diritto di utilizzo della proprietà intellettuale avviene nel momento in cui essa è concessa, l’obbligazione viene assolta at point in time, mentre se il diritto di accesso alla proprietà intellettuale è concesso nel corso del periodo di validità della licenza, l’obbligazione è assolta over time.

Ovviamente qualora non sia possibile tenere distinta la licenza da altri beni o servizi resi, l’impresa deve valutare in generale se l’intera operazione è prestata at point in time o over time.

Leggi anche della stessa autriceIFRS 15 il modello in 5 step per la rilevazione dei ricavi in bilancio”


Autore dell'articolo
mm

Antonella Quindici

Laureata con lode in Economia e Commercio. Ha conseguito un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. E’ Dottore Commercialista e Revisore Legale ed è iscritta all’Ordine dei Giornalisti Pubblicisti. Attualmente è cultore della materia presso l’Università Parthenope di Napoli per gli insegnamenti di "Ragioneria internazionale" e "Comunicazione societaria e operazioni straordinarie" e in passato lo è stata per “Principi Contabili Internazionali e Bilancio Consolidato”. E’ membro delle Commissioni Nazionali “Bilancio e revisione” e “Diritto societario” dell’UGDCEC – Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. E’ autrice di numerose pubblicazioni sui Principi Contabili. Lavora da circa venti anni nell’Amministrazione di Enel e attualmente riveste il ruolo di Responsabile di Bilancio di una delle più importanti società di tale Gruppo.

Commenti 1

  1. Pingback: Rilevazione delle garanzie secondo i principi contabili internazionali - La Revisione Legale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 6 =