Le verifiche del collegio sindacale nell’operazione di scissione

di Andrea Sergiacomo - - Commenta

Anche nell’operazione di scissione il collegio sindacale è chiamato ad effettuare alcune verifiche tese ad analizzare se i soggetti coinvolti nell’operazione hanno agito a norma di legge.

Nel caso di specie, come avvenuto per la fusione, è opportuno che il collegio sindacale si ponga una serie di domande utili alla verifica di cui si è incaricati.

Di seguito si propone un elenco di possibili domande utili a generare una check list:

 

1) Il progetto di scissione rispetta il contenuto obbligatorio di cui all’art. 2501-ter integrato dall’art. 2506-bis?

2) Sono stati identificati i soggetti partecipanti alla scissione?

3) E’ stato verificato l’atto costitutivo della new co, oppure, è stato verificato lo statuto della beneficiaria aggiornato post-scissione?

4) E’ stato verificato il rapporto di cambio delle azioni ed eventuale conguaglio.

5) Quali sono state le  modalità di assegnazione delle azioni della società beneficiaria.

6) Qual’ è la data di godimento iniziale delle nuove azioni.

7) E’ stata stabilita la data di imputazione contabile e sono stati verificati gli impatti sulle componenti di bilancio?

8) Qual’è, se esiste, il  trattamento riservato a particolari categorie di soci.

9) Ricorrendo il presupposto di cui all’art. 2505 C.C. sono stati omessi i punti 3), 4) e 5)?

10) Sono stati stabiliti oppure emergono eventuali vantaggi per gli amministratori?

11) C’e stato eventuale conguaglio in denaro?

12) Quali sono i criteri di distribuzione delle azioni o quote delle beneficiarie ed eventuale diritto di alienazione a favore dei soci dissenzienti.

13) Nel caso di scissione non proporzionale il diritto per i soci dissenzienti di cedere le proprie azioni oppure quote al valore previsto nei casi di recesso è stato verificato?

Autore dell'articolo
mm

Andrea Sergiacomo

Andrea Sergiacomo, Dottore Commercialista e Revisore legale dei conti. Abilitato alla professione di Mediatore civile . Componente della Commissione Cooperative Odcec di Roma . Componente della Commissione diritto societario Odcec di Tivoli. Autore di diverse pubblicazioni per riviste specializzate ed esperto in operazioni di riorganizzazione aziendale. Relatore in convegni in materia di contabilità e bilancio di esercizio, con particolare riguardo alle operazioni straordinarie. E’ stato docente di economia aziendale presso istituti tecnici. Ha frequentato corsi di specializzazione in diritto fallimentare ed il corso avanzato sui principi contabili internazionali presso l’Università di Tor Vergata. Svolge attività professionale nel proprio studio di Roma dove fornisce consulenza in diritto societario, diritto fallimentare e pianificazione fiscale con particolare attenzione alla crisi di impresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + dodici =