Il ruolo del professionista attestatore nella composizione negoziale della crisi: l’analisi contenuta nella circolare n. 30/2013 dell’Irdcec

di Virginia Tosi - - Commenta

La circolare n. 30 emanata lo scorso 11 Febbraio 2013 dall’Irdcec (Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili) ha inteso analizzare il ruolo del professionista attestatore nella composizione negoziale della crisi, individuando in particolare i requisiti di professionalità e indipendenza allo stesso richiesti ed il contenuto della relazione che egli deve redigere.

La circolare analizza le novità apportate in tale materia dall’art 33 del D.lgs. n. 83/2012, convertito dalla L. n. 134/2012 il quale ha determinato una rivisitazione degli istituti di composizione negoziale della crisi, dando maggiore rilievo alla figura del professionista attentatore e prevedendo la responsabilità penale per quest’ultimo. La circolare evidenzia che, da un lato il citato decreto ha lasciato immutati i requisiti di professionalità richiesti all’esperto attestatore e previsti dall’art. 67, comma 3, lettera d), dall’altro la nuova formulazione dello stesso art. 67 rende obbligatoria la verifica dei requisiti di indipendenza. La legge fallimentare ante riforma non conteneva invece esplicite indicazioni circa la necessità di garantire l’indipendenza del professionista attentatore.

Infine l’IRDCEC con la circolare in questione ha inteso  puntualizzare che il D.lgs. n. 83/2012 ha imposto l’attestazione della veridicità dei dati aziendali quale contenuto obbligatorio per tutte le tipologie di attestazioni relative agli istituti di composizione della crisi.

Un’analisi più esaustiva della citata circolare n. 30/2012 dell’Irdcec sarà oggetto di trattazione nella prossima Circolare del Revisore di questo blog.

Autore dell'articolo

Virginia Tosi

Dottore Commercialista in Fermo, è autrice di pubblicazioni e scrive su riviste specializzate su temi societari, aziendali, fiscali, revisione legale, non profit, cooperazione, operazioni straordinarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 16 =