Schema di parere bilancio di previsione CNDCEC

di Redazione - - Commenta

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (CNDCEC) ha messo a disposizione degli iscritti sul proprio sito , lo “Schema di parere dell’organo di revisione sulla proposta di bilancio di previsione 2020 – 2022” per gli enti locali. Il documento è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione nazionale dei certificatori e revisori degli enti locali (Ancrel) e aggiornato con le norme emanate fino alla data di pubblicazione, 18 novembre 2019. Verrà ulteriormente rivisto alla luce delle novità della Legge di Bilancio a gennazio 2020.

Nella premessa al documento si sottolinea che lo schema di parere è predisposto nel rispetto della parte II del TUEL (“Ordinamento finanziario e contabile”) nonché del D.Lgs. n. 118/2011 e principi contabili allegati. Peraltro, per la formulazione del parere e per l’esercizio delle sue funzioni, l’organo di revisione può avvalersi dei primi tre principi di vigilanza e controllo dell’organo di revisione degli enti locali emanati dal CNDCEC prima dell’estate.

Il documento presenta interessanti spunti di indagine che si inseriscono nel solco dei principi affermati nelle ultime linee guida al bilancio licenziate dalla Sezione delle Autonomie della Corte dei conti. L’utilizzo delle tabelle “Corte” nel parere è coerente, per altro, con gli obiettivi di semplificazione del controllo dei revisori degli enti locali unitamente a quello operato successivamente dalle stesse Sezioni Regionali di Controllo.

Il documento è composto da un testo word con traccia del parere dell’organo di revisione corredata da commenti in corsivetto di colore azzurro oltre che da tabelle e check list.

Il documento (in tre file) è scaricabile gratuitamente qui e dal sito del Consiglio nazionale dei commercialisti (www.commercialisti.it); L’utilizzo non è ovviamente vincolante, ma si pone come valido supporto pratico all’attività di verifica e controllo dei professionisti della revisione degli enti locali.


Autore dell'articolo

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × quattro =