Certificazioni al bilancio di previsione 2013 rinviate ad ottobre

di Fabio Federici - - Commenta

L’attesa proroga è ufficiale. Come già preannunciato nei giorni scorsi nel sito del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno, è stato pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale» n. 166 del 17 luglio 2013 il Decreto ministeriale 5 luglio 2013 che prevede il differimento dei termini per la presentazione delle certificazioni di bilancio di previsione per l’anno 2013 delle amministrazioni provinciali, dei Comuni, delle Unioni di Comuni e delle comunità montane. La data, inizialmente prevista per il 5 luglio 2013 (come stabilito dal Decreto ministeriale 14 maggio 2013), è rinviata al 30 ottobre 2013.

La proroga del termine per l’adempimento era del resto prevedibile, una volta che l’articolo 10 comma 4-quater della Legge 6 giugno 2013 n. 64, di conversione del Decreto-legge 8 aprile 2013 n. 35 (“Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali”) aveva disposto il differimento del termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2013 degli enti locali al prossimo 30 settembre 2013.

Si ricorda che gli soggetti all’adempimento potranno reperire i modelli di certificazione, approvati dal Decreto del 14 maggio 2013 all’indirizzo: http://finanzalocale.interno.it/circ/dbp2013.html.

La certificazione una volta predisposta, va sottoscritta, con firma digitale, dal Segretario, dal Responsabile del servizio finanziario nonché dall’Organo di revisione.

Gli enti locali utilizzeranno le credenziali informatiche (userid e password) già richieste e ricevute in occasione della trasmissione delle precedenti certificazioni di bilancio ai fini dell’autenticazione all’apposito sistema tramite il sito della finanza locale www.finanzalocale.interno.it/ser/tbel_intro.html.

A questo punto si procederà alla trasmissione della certificazione tramite posta elettronica certificata, entro il 31 luglio 2012, alla Direzione centrale della finanza locale all’indirizzo di posta elettronica [email protected].

Il flusso da inviare si compone dei seguenti file:

– un file contenente i dati del certificato firmato digitalmente in formato xml;

– un file, sempre in formato xml, concernente le informazioni riguardanti il tipo di certificato  (certificato preventivo o certificato al rendiconto), l’anno di riferimento dello stesso, nonché i dati identificativi dei soggetti referenti per la trasmissione del certificato, individuati nel Segretario dell’ente e/o nel Responsabile del servizio finanziario.

Si precisa che dopo l’avvenuta trasmissione, gli enti  riceveranno comunicazione circa il buon esito della stessa  o l’eventuale messaggio di errore sulla stessa casella di posta elettronica certificata, per cui la sola ricevuta dell’avvenuto invio della certificazione tramite posta elettronica certificata, non è sufficiente ad assolvere l’adempimento, in mancanza del riscontro positivo.

Autore dell'articolo

Fabio Federici

ODCEC di Ravenna, Revisore Legale Consulente di enti ed aziende pubbliche in materiale contabile, fiscale e di governance interna. Iscritto ANCREL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + quindici =