Scade il 15 luglio 2013 il pagamento del contributo di revisione delle cooperative.

di Giorgio Gentili - - 1 Commento

Le società cooperative, in base a quanto previsto dall’articolo 8 del d.l.c.p.s. 14 dicembre 1947 n. 1577 e successive modifiche, devono versare il contributo relativo all’esercizio della revisione cooperativa.

L’attività di revisione è effettuata dal Ministero dello Sviluppo Economico, ovvero dalle centrali cooperative, per le società a queste aderenti.

Gli importi dovuti per il biennio 2013/2014 sono stati fissati con il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 07/02/2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 89 del 16/04/2013.

Il pagamento dovrà avvenire entro novanta giorni dalla pubblicazione del decreto Gazzetta Ufficiale, ovvero entro il 15 luglio 2013.

I parametri di determinazione del contributo sono:

–       il numero di soci,

–       l’importo del capitale sociale sottoscritto,

–       il fatturato, ovvero Valore della Produzione (voce A del Conto Economico). Per le coop edilizie per fatturato si intende il maggior valore tra l’incremento di valore dell’immobile rilevato nelle voci B-II e C-I dello Stato Patrimoniale (art. 2424 C.C.) e il valore della produzione di cui alla lettera A) del Conto Economico (art. 2425 C.C.).

La tabella che segue riepiloga i valori da tenere in considerazione per quantificare l’importo da versare. Il superamento di uno solo dei tre parametri comporta il pagamento del contributo della fascia all’interno della quale si inserisce il parametro più alto.

 

 

Fasce e importo

Parametri

Numero Soci

Capitale sottoscritto

Fatturato

a) € 280,00 Fino a 100 Fino a € 5.160,00 Fino a € 75.000,00
b) € 680,00 Da 101 a 500 Da € 5.160,01 a € 40.000,00 Da € 75.000,00 a € 300.000,00
c) € 1.350,00 Superiore a 500 Superiore a € 40.000,00 Da € 300.000,01 a € 1.000.000,00
d) € 1.730,00 Superiore a 500 Superiore a € 40.000,00 Da 1.000.000,01 a € 2.000.000,00
e) € 2.380,00 Superiore a 500 Superiore a € 40.000,00 Superiore a € 2.000.000,00

I parametri per la determinazione del contributo devono riferirsi alla data del 31 dicembre 2012.

Il pagamento deve avvenire tramite modello F24 se la cooperativa non aderisce ad alcuna centrale, altrimenti secondo le modalità previste da ciascuna Associazione.

I codici tributo da utilizzare sono i seguenti (da riportare nella sezione Erario):

–       3010: contributo biennale e interessi per ritardato pagamento;

–       3014: sanzioni (in caso di versamento oltre i termini di legge).

Autore dell'articolo
mm

Giorgio Gentili

Responsabile editoriale e coordinatore del sito Larevisionelegale.it, Dottore commercialista in Macerata, Revisore legale e di cooperative, relatore in corsi e convegni di aggiornamento professionale, autore di numerose monografie. È presidente della commissione “Diritto penale d'impresa: area specialistica D.Lgs. n. 231/2001" dell’UNGDCEC e consulente di società di revisione.

Commenti 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + 9 =