Nuova relazione di revisione per i bilanci chiusi al 31 dicembre 2017

di Giorgio Gentili - - Commenta

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili ha evidenziato con l’informativa n. 42/2017 i “Nuovi principi di revisione in materia di relazione”. In particolare, con determina della Ragioneria Generale dello Stato del 31 luglio 2017 sono stati adottati i principi di revisione internazionali ISA Italia indicati di seguito, caratterizzati da una nuova introduzione e da un nuovo glossario:

  • ISA Italia n. 700, “Formazione del giudizio e relazione sul bilancio”;
  • ISA Italia n. 701, “Comunicazione degli aspetti chiave della revisione contabile nella relazione del revisore indipendente”;
  • ISA Italia n. 705, “Modifiche al giudizio nella relazione del revisore indipendente”;
  • ISA Italia n. 706, “Richiami d’informativa e paragrafi relativi ad altri aspetti nella relazione del revisore indipendente”;
  • ISA Italia n. 710, “Informazioni comparative – Dati corrispondenti e bilancio comparativo”;
  • ISA Italia n. 570, “Continuità aziendale”;
  • ISA Italia n. 260, “Comunicazione con i responsabili delle attività di governance”.

I principi di nuova emissione vanno a sostituire/integrare i principi adottati con le determine della Ragioneria Generale dello Stato del dicembre 2014 e del giugno 2017 

I nuovi principi riportano principalmente le seguenti novità:

  • il paragrafo afferente il giudizio del revisore viene posizionato all’inizio del documento, prima del paragrafo Elementi alla base del giudizio;
  • viene prevista una dichiarazione esplicita di indipendenza da parte del revisore in conformità alle norme ed ai principi in materia di etica e di indipendenza applicabili;
  • in riferimento alla revisione dei bilanci delle società quotate, vi è l’inserimento del nome del responsabile dell’incarico di revisione e viene introdotta una apposita sezione contenente gli aspetti chiave della revisione contabile, al fine di fornire maggiore trasparenza sulle attività svolte dal revisore;
  • una più dettagliata descrizione delle responsabilità del revisore e degli aspetti chiave del processo di revisione;
  • è inserita una informativa specifica afferente la verifica del presupposto della continuità aziendale che include una descrizione delle responsabilità del management e del revisore in merito al rispetto del presupposto del going concern. In presenza di un’incertezza significativa il revisore è tenuto a richiamare l’attenzione sulla relativa informativa di bilancio, se ritenuta adeguata, ovvero a riflettere tale circostanza nella formulazione del proprio giudizio;
  • viene evidenziata con maggiore dettaglio la descrizione delle responsabilità del revisoree degli aspetti chiave del processo di revisione.
Autore dell'articolo
mm

Giorgio Gentili

Responsabile editoriale e coordinatore del sito Larevisionelegale.it, Dottore commercialista in Macerata, Revisore legale e di cooperative, relatore in corsi e convegni di aggiornamento professionale, autore di numerose monografie. È presidente della commissione “Diritto penale d'impresa: area specialistica D.Lgs. n. 231/2001" dell’UNGDCEC e consulente di società di revisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − cinque =