Assirevi pubblica la Checklist per i bilanci 2016 con i nuovi OIC

di Redazione - - 1 Commento

Un Comunicato Stampa di Assirevi – l’Associazione Italiana Revisori Contabili in data 8 marzo 2017 annuncia la pubblicazione sul sito di Assirevi della Checklist Assirevi 2016

Ecco il testo del Comunicato Stampa che annuncia la pubblicazione della lista di controllo dei principi di redazione del bilancio d’esercizio e consolidato alla luce delle novità dei principi contabili nazionali OIC.

La checklist è a supporto dell’attività di revisione nonché strumento utile per la redazione dei bilanci 2016

Assirevi rende noto di aver pubblicato la lista di controllo relativa ai principi di redazione del bilancio d’esercizio e consolidato delle imprese industriali, commerciali e di servizi secondo la versione definitiva dei Principi Contabili Nazionali[1], aggiornati a seguito del processo di consultazione avviato nell’aprile del 2016 e resosi necessario alla luce della rilevanza delle novità introdotte dal D.Lgs. 139/2015, che ha modificato la disciplina del Codice Civile in materia di bilancio d’esercizio e di bilancio consolidato delle società commerciali.

Le checklist di Assirevi supportano l’attività di revisione dei bilanci 2016 e risultano, al contempo, uno strumento utile anche per l’attività di redazione degli stessi.

Le principali novità contenute nella lista di controllo di Assirevi, conseguenti all’applicazione dei nuovi OIC, possono essere sintetizzate nei punti seguenti e risultano applicabili a partire dal 1° gennaio 2016[2]:

Iscrizione in bilancio degli strumenti derivati a fair value (OIC 32)

Con il nuovo OIC 32, tutti i derivati devono essere iscritti in bilancio a fair value e le variazioni di fair value devono essere imputate a conto economico o a patrimonio netto a seconda che si tratti di derivati di negoziazione o di copertura e, in questo secondo caso, a seconda che la copertura riguardi attività o passività iscritte in bilancio (iscrizione a conto economico) oppure flussi futuri (iscrizione a patrimonio netto).

Adozione del criterio del costo ammortizzato per l’iscrizione dei crediti, debiti e titoli

Il Decreto stabilisce che i crediti e i debiti siano iscritti al costo ammortizzato, ovvero al valore in cui l’attività/passività è stata misurata al momento della rilevazione iniziale al netto dei rimborsi di capitale, aumentato/diminuito dell’ammortamento complessivo utilizzando il criterio dell’interesse effettivo su qualsiasi differenza tra il valore iniziale e quello a scadenza e dedotta qualsiasi riduzione a seguito di una riduzione di valore o di irrecuperabilità.

Eliminazione dall’attivo patrimoniale delle spese di ricerca e pubblicità

Per le società che avevano iscritto costi di ricerca e pubblicità nell’attivo e che, in applicazione del nuovo principio contabile, devono rimuoverli dal bilancio è previsto che l’eliminazione venga effettuata in contropartita alle riserve di patrimonio netto.

Eliminazione della modalità di rilevazione dei dividendi in base al principio della maturazione (OIC21);

I nuovi OIC non prevedono più la possibilità di rilevare, nel bilancio della controllante, i dividendi nello stesso esercizio in cui maturano, possibilità concessa dalla precedente versione dell’OIC 21 a condizione che vi fosse il controllo e che le date di approvazione dei bilanci delle due società fossero compatibili con l’esigenza di consentire la rilevazione dei dividendi solo quando vi era certezza.

Iscrizione delle azioni proprie a riduzione del patrimonio netto;

Obbligo di redazione del rendiconto finanziario;

Il nuovo art. 2423 Cod. Civ. stabilisce che il bilancio è costituito da stato patrimoniale, conto economico, rendiconto finanziario e nota integrativa. La redazione del rendiconto finanziario era peraltro raccomandata anche dal precedente set di principi contabili.

Eliminazione delle voci relative ai proventi e oneri straordinari del conto economico.

L’eliminazione delle voci relative ai proventi e oneri straordinari del conto economico comporta la riesposizione delle voci straordinarie nelle voci più appropriate del conto economico in base alla natura dell’onere o del provento. Le voci maggiormente interessate a tale riclassifica dovrebbero essere la voce altri ricavi e proventi e la voce oneri diversi di gestione. E’ comunque prevista l’indicazione in nota integrativa circa “l’importo e la natura dei singoli elementi di ricavo o di costo di entità o incidenza eccezionali” in modo da consentire al lettore del bilancio di apprezzare il risultato economico privo di elementi che, per l’eccezionalità della loro entità o della loro incidenza sul risultato d’esercizio, non sono ripetibili nel tempo.

Le liste di controllo – a cura dei gruppi di Studio di Assirevi – sono accessibili a partire dall’8 marzo nella sezione “Checklist” del sito www.assirevi.it. Le checklist sono presentate in file formato word scaricabili dal sito di Assirevi al fine di consentirne un più agevole utilizzo “sul campo” da parte degli operatori interessati, che potranno compilare digitalmente e stampare, in base alle specifiche necessità, i file in esso contenuti.

[1] Pubblicati in data 22 dicembre 2016
[2] Per i soggetti con esercizio sociale coincidente con l’anno solare, trovano applicazione dal bilancio relativo all’esercizio 2016

Autore dell'articolo

Redazione

Commenti 1

  1. Pingback: Sviluppo Impresa » Assirevi pubblica la Checklist per i bilanci 2016 con i nuovi OIC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 2 =