Raccolta di informazioni preliminari per accettare o rinnovare un incarico di sindaco-revisore

di Giorgio Gentili - - Commenta

I sindaci-revisori che sono candidati ad un incarico dovrebbero raccogliere informazioni riguardanti l’ente che li dovrà nominare, al fine di valutare preliminarmente se esistono elementi che impediscono o sconsigliano di accettare la candidatura e per stimare l’impegno, i tempi e le risorse necessari lo svolgimento dell’incarico. Tali informazioni sono utili per la definizione dei corrispettivi.

Le informazioni necessarie sono raccolte in diverso modo:

  • accesso a fonti pubbliche disponibili (visure camerali, ecc.) o ad altre fonti, tra cui la stampa specializzata;
  • contatto con l’organo di controllo uscente;
  • colloqui con la direzione ed i responsabili delle attività di governance.

In base alle informazioni ricevute, i candidati sindaci dovranno individuare eventuali circostanze che impediscono o sconsigliano di accettare l’incarico e se vi sono le condizioni di indipendenza.

I candidati sindaci dovranno verificare se possiedono le competenze e la disponibilità di tempo per impegnarsi a svolgere adeguatamente il lavoro considerando sia le funzioni di vigilanza, sia le attività afferenti la revisione legale dei conti.

Anche i sindaci-revisori che hanno già ricoperto l’incarico dovranno effettuare delle valutazioni; in particolare dovranno valutare se nel corso del triennio si siano manifestate circostanze che ne sconsigliano la continuazione.

Le attività sopra evidenziate dovranno essere documentate.

E’ possibile visionare l’intero articolo con due formule da utilizzare per l’attività di sindaco revisore nella Rivista “La Revisione Legale”.

 

Autore dell'articolo
mm

Giorgio Gentili

Responsabile editoriale e coordinatore del sito Larevisionelegale.it, Dottore commercialista in Macerata, Revisore legale e di cooperative, relatore in corsi e convegni di aggiornamento professionale, autore di numerose monografie. È presidente della commissione “Diritto penale d'impresa: area specialistica D.Lgs. n. 231/2001" dell’UNGDCEC e consulente di società di revisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 12 =