A Brescia il 2° Congresso Italo-europeo dei Revisori – 14 ottobre 2016

di Ernesto Zamberlan - - Commenta

Si svolgerà a Brescia il prossimo 14 ottobre il secondo congresso italo-europeo dei revisori legali. L’assise ha ottenuto il patrocinio della Rappresentanza italiana della Commissione europea, con il vivo apprezzamento del presidente dell’Istituto Nazionale dei Revisori Legali Virgilio Baresi, che ha sottolineato la centralità ricoperta in questi anni dall’Istituto nel tenere alta l’attenzione delle istituzioni e del mondo professionale sul pieno adeguamento delle normative italiane alla legislazione europea.

Prenderanno parte al congresso i vertici di Confassociazioni, di Confimprese e del Microcredito con il suo presidente Mario Baccini, in rappresentanza di oltre 550 mila professionisti in Italia e in Europa. Sono inoltre attesi prestigiosi rappresentanti del mondo istituzionale del Parlamento europeo e del composito universo professionale italiano con cui Inrl si propone di intensificare il confronto. Fortemente auspicata dai vertici Inrl è la partecipazione da parte di Ugo Bassi, che prima di diventare uno degli uomini di punta della finanza europea fu tra i più attivi difensori del ruolo dei revisori legali.

Quella del congresso di Brescia sarà anche l’occasione per siglare il contratto collettivo di lavoro italo-europeo per i revisori legali, un importante traguardo per la categoria. Sarà inoltre un’opportunità di confronto e di approfondimento riguardo la svolta nella qualità della preparazione professionale obbligatoria del revisore legale in Italia e in Europa. A tal proposito rimane fondamentale per l’Inrl un proficuo dialogo interno sul territorio con i delegati regionali e provinciali anche attraverso gli incontri via Skype organizzati periodicamente dal Consiglio nazionale.

Tra gli obiettivi dei vertici Inrl c’è anche quello di coinvolgere il Commissario europeo per i servizi finanziari Valdis Drombosvkis, che proprio di recente presso la Commissione economica del Parlamento europeo ha rimarcato l’importanza del rispetto della trasparenza e della correttezza contabile a partire dai sistemi bancari, con particolare attenzione verso la delicata situazione degli istituti italiani.

Fonte: Italia Oggi

Autore dell'articolo
mm

Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore legale dei Conti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + otto =