Salta l’emendamento sull’equipollenza tra commercialisti e revisori

di Giorgio Gentili - - Commenta

E’ stato considerato improponibile l’emendamento al DL 150/2013 che prevedeva l’equipollenza degli esami per l’accesso all’Albo dei commercialisti e la Registro dei revisori legali. Dovrebbe trattarsi di una questione esclusivamente tecnica. Pertanto, anche nel citato provvedimento normativo non sarà previsto in via definitiva l’esonero dell’esame di idoneità per l’iscrizione al Registro dei revisori da parte dei soggetti che hanno superato gli esami di Stato di cui gli artt. 46 e 47, del decreto legislativo 139/2005, anche qualora il tirocinio si sia concluso dopo il superamento di tali esami di Stato. Vedasi articolo Decreto “Milleproroghe”: mancata definitiva equipollenza tra commercialisti e revisori.

Autore dell'articolo
mm

Giorgio Gentili

Responsabile editoriale e coordinatore del sito Larevisionelegale.it, Dottore commercialista in Macerata, Revisore legale e di cooperative, relatore in corsi e convegni di aggiornamento professionale, autore di numerose monografie. È presidente della commissione “Diritto penale d'impresa: area specialistica D.Lgs. n. 231/2001" dell’UNGDCEC e consulente di società di revisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 13 =