Il revisore degli enti non profit fa i conti con la responsabilità amministrativa ex D.Lgs. n. 231/01

di Giorgio Gentili - - Commenta

Il revisore legale degli enti non profit deve effettuare delle verifiche riguardanti l’assetto organizzativo e afferenti il rischio di compimento di frodi ed errori all’interno dell’ente. In particolare, il revisore deve effettuare delle verifiche inerenti il going concern dell’ente non commerciale e per questo deve chiedere se l’ente ha adottato un modello organizzativo ex D.Lgs. n. 231/01.

Il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto in Italia la responsabilità degli enti per alcuni reati commessi – o anche solo tentati – nell’interesse o a vantaggio degli stessi da persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell’ente stesso o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale e, infine, da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno dei soggetti sopra indicati. Si tratta di una forma di responsabilità dell’ente che si aggiunge a quella propria della persona fisica, autore del reato.

L’Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili in collaborazione con il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha affrontato la materia con lo studio intitolato “Il modello 231/2001 per gli enti non profit”. Il citato documento tratta l’inquadramento soggettivo e l’applicabilità del D.Lgs. n. 231/01 al terzo settore, effettuando un approfondimento delle fasi di costruzione del modello organizzativo. La citata pubblicazione, riporta una sentenza in cui vi è l’applicazione ad un ente non commerciale delle sanzioni previste dal D.Lgs. n. 231/2001. Nello specifico, il GIP Tribunale di Milano, 22 marzo 2011 ha condannato un’associazione volontaria di pubblica assistenza per il delitto di truffa ai danni dello Stato, previsto tra i reati presupposto dall’art. 24, comma 1 del DLgs. n. 231/2001.

Gli aspetti trattati in questo post sono oggetto di ulteriore approfondimento nella Circolare del Revisore di questo blog.

Autore dell'articolo
mm

Giorgio Gentili

Responsabile editoriale e coordinatore del sito Larevisionelegale.it, Dottore commercialista in Macerata, Revisore legale e di cooperative, relatore in corsi e convegni di aggiornamento professionale, autore di numerose monografie. È presidente della commissione “Diritto penale d'impresa: area specialistica D.Lgs. n. 231/2001" dell’UNGDCEC e consulente di società di revisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + diciassette =