La revisione “ai fini Irap” dei costi del personale R&S

di Gabriele Giammarini - - Commenta

Con il Documento di ricerca n. 168 l’Assirevi affronta il tema della relazione del revisore sulla deducibilità ai fini irap dei costi del personale addetto alla ricerca e sviluppo.

Il riferimento normativo è dato dal D.Lgs. n. 446/97, che all’art. 11, comma 1, lett. a), n.5) prevede, fra l’altro, la deducibilità dei costi sostenuti per il personale addetto alla ricerca e sviluppo “a condizione che l’attestazione di effettività degli stessi sia rilasciata dal presidente del collegio sindacale ovvero, in mancanza, da un revisore dei conti o da un professionista iscritto negli albi dei revisori dei conti, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e periti commerciali o dei consulenti del lavoro, nelle forme previste dall’articolo 13, comma 2, del decreto-legge 28 marzo 1997, n. 79, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 maggio 1997, n. 140, e successive modificazioni, ovvero dal responsabile del centro di assistenza fiscale”.

L’Agenzia delle Entrate ha poi chiarito, con risoluzione n. 104/E del 21 aprile 2009, che “sebbene il dato letterale dell’art. 11, comma 1, lettera a), n. 5) individui il Presidente del Collegio Sindacale quale soggetto tenuto a rilasciare l’attestazione di effettività dei costi di ricerca e sviluppo, non si possa, tuttavia, prescindere da un’interpretazione evolutiva della norma, che tenga conto del mutato contesto normativo di riferimento”; pertanto, la predetta attestazione dovrebbe essere rilasciata dal soggetto incaricato della revisione legale.

Il riferimento tecnico, in mancanza di uno specifico documento della prassi italiana, è dato dai principi di revisione Internazionali ed in particolare dall’ISA 805Special Considerations – Audits of Single Financial Statements and Specific Elements, Accounts or Items of a Financial Statement”.

L’incarico di esprimere un giudizio in merito all’effettività dei costi di ricerca e sviluppo è da considerarsi come un incarico separato e, per tale circostanza, il lavoro da svolgere è di portata diversa rispetto a quello svolto di norma nell’ambito della revisione dell’intero bilancio. Il documento Assirevi riporta alcune linee guida utili per svolgere e documentare queste tipologie di incarico ed, in allegato, un modello di relazione da predisporre in questi casi.

Autore dell'articolo

Gabriele Giammarini

Dottore commercialista in Ancona e Revisore legale, è esperto in tecniche di revisione, autore di pubblicazioni e relatore in convegni in materia di revisione legale. Collabora da oltre ventanni con società ai vertici mondiali del settore. Componente della commissione "revisione legale" dell'ODCEC di Ancona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − quattordici =