Le rimanenze secondo lo IAS nr. 2

di Antonio Cavaliere - - Commenta

Secondo gli IFRS/IAS, le rimanenze sono beni destinati alla vendita durante il normale corso dell’attività, ovvero all’utilizzo nel processo produttivo oppure alla vendita come materie prime.
Queste vanno incluse fra le attività correnti, anche se il realizzo avverrà dopo l’anno (12 mesi). Non è prevista la suddivisione richiesta dal nostro art. 2424 Cod. Civ. anche se per le rimanenze legate a contratti di appalto di opere o di servizi, o forniture ultrannuali, è necessario l’iscrizione di un’apposita voce “Lavori in corso su ordinazione”, distinta dalle “altre” rimanenze di magazzino.
La valutazione avviene al minore tra costo e valore netto realizzabile. Nel caso di un aumento del valore dei beni successivo a una svalutazione è necessario operare una rivalutazione del magazzino (nei limiti di quanto svalutato in precedenza).
In altri termini, le rimanenze di magazzino valutate in base all’OIC n. 13 non necessitano di rettifiche per passare ad una valutazione secondo lo IAS 2.
Caso diverso se per la valutazione è stato adottato il metodo del LI.FO (magari, il LI.FO a scatti fiscale); in tal caso occorre rettificare la valutazione per portarla al metodo FI.FO, oppure al metodo del costo medio ponderato. In molti casi ciò provocherà un incremento del valore delle rimanenze; la differenza dovrà essere imputata a riserva.

Autore dell'articolo

Antonio Cavaliere

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti dell’ODCEC di Padova. Sindaco e Revisore specializzato in materia Revisione legale dei conti e Sistema di Controllo Interno presso aziende italiane e filiali straniere in Italia. Ha maturato un’esperienza significativa in una primaria società di revisione contabile internazionale e successivamente in un primario gruppo industriale italiano con il ruolo di CFO. Pubblicista, iscritto all’albo dei giornalisti del Veneto, è autore di libri ed articoli in materia di revisione legale dei conti e Sistema di Controllo Interno. www.antoniocavaliere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + uno =